INTERVISTA Surgery

Risponde alle domande Daniele Coccia.

Surgery

 

 

- Come descrivereste la vostra musica?
Techno, metal, mescolati attraverso una disciplina selvaggia insieme ai libri che leggiamo e al nostro personale impianto teatrale. Il tutto nato e cresciuto sotto la cupola  mass mediatica dell’italia contemporanea.

- Quanto conta per voi l'estetica in un live?
L’estetica conta moltissimo, diciamo che la musica deve convincere e coinvolgere e l’estetica deve catturare e affascinare. 

- Avete mai pensato a dei testi in inglese, se non altro per raggiungere un pubblico più ampio?
Ci abbiamo pensato, ci è stato suggerito e siamo ossessionati da persone che si sentono obbligate di darci il consiglio giusto e sinceramente fino ad ora non li abbiamo ascoltati.
Ultimamente però abbiamo scritto un brano proprio in Inglese per aumentare l’aggressività nel mio modo di cantare. Nello scrivere mi sono accorto di quanto sia elementare e povera di vocaboli la lingua Inglese.
Mi sono rimesso a scrivere in Italiano e mi è tornata l’allegria. Ma il brano in questione è un vero pugno in faccia, la nostra ultima soddisfazione.

- Nel vostro ultimo lavoro c'è una cover dei depeche mode. Come mai l'avete scelta? Cosa ne pensate della band di Dave Gahan? E dei suoi lavori solisti?
Non conosco i lavori solisti di Dave Gahan, apprezzo i Depeche e credo che siano una vera e propria istituzione anche se mi sono venuti un po’ a noia. Mi ricordo che da bambino ero affascinato dalla voce e dalla sonorità di quella band. Abbiamo scelto proprio questa cover perché era un brano al quale molti noi erano parecchio legati, il risultato ci soddisfa al 100%.


- Nel vostro cd sono presenti 3 vostri videoclip. Dove girano attualmente?

Stupida Estate è stato in rotazione nei maggiori network musicali e adesso sta facendo lo stesso percorso anche “Morituri te Salutant” io non guardo la tv e non conosco i nomi dei canali.

- Quale canzone non vostra vorreste aver scritto voi?
Ce ne sono tante che avrei voluto scrivere ma non so cosa avrebbero risposto gli altri membri della band.
Avrei voluto scrivere “Redeption Song” di Marley “Hotel Supramonte” di De Andrè “White Rabbit” dei Jefferson Airplain e “Mass Appeal Madness” dei Napalm Death o “Mother Nord” dei Satyricon.
Grazie 1000 dell’intervista e a presto.

 

- Intervista ai Surgery (2007)
- Recensione di 'L'altra educazione' (2007)
- Recensione di 'Non un passo indietro' (2009)
- Sito Ufficiale Surgery
- Sito Ufficiale Kick Promotion Agency