Vai alla lista completa delle Recensioni!
Zulus - II [recensione]

[etichetta: Aagoo Records]

zulus ii



 

Zulus - II (2015)

 

Secondo album sulla lunga distanza per i newyorkesi Zulus, quartetto formato da Aleksander Prechtl, Daniel Martens, Jeremy Scott e Julian Bennett-Holmes. Come recita la stessa press sheet, non senza ironia, gli Zulus rappresentano "il tentativo di formare una pop band da parte di ragazzi che non sanno suonare pop": infatti il retroterra musicale della band è senza dubbio quello del punk-hardcore, essendo i vari membri transitati da band come Battleship, Necking, Teenage Nitewar, Rice, Prisms, Aa, Fiasco, The Homosexuals e Wand.

Pronti via e si parte subito con "Revolver III", noise-garage all'ennesima potenza, la tradizione di band come Pussy Galore aggiornata al ventunesimo secolo. Si prosegue poi con brani come "White Virgin", rock n'roll spettrale, Chuck Berry che fa una cosa a tre con Christina Martinez e Poison Ivy, oppure "Deep Into The River", sferragliante assalto alla Half Japanese.

Disco che saprà essere esaltante per gli appassionati di noise, garage, post-hardcore, meno imprescindibile per tutti gli altri, ma vale comunque un ascolto.

 

 

Tracklist:
1.Revolver III
2.Medications
3.White Virgin
4.Gemini
5.Set Fire
6.Chemicals
7.Deep Into The River
8.Screens
9.The City's Vein

 

- Sito Ufficiale Zulus
Sito Ufficiale Aagoo Records
- Sito Ufficiale Five Roses Press

 

Condividi

 

Giacomo Messina 18/10/2015