Vai alla lista completa delle Recensioni!
Vanderlei - L'inesatto [recensione]

[etichetta: Cinico Disincanto]

vanderlei l'inesatto




Vanderlei - L'inesatto (2010)

 

 

Il curriculum è di quelli importanti per questa band bolognese che nasce nel 2005 dalle ceneri dei Kybbutz e che dopo l’ep “1234” esce con il suo primo album “L’inesatto”.

I 9 brani che compongono l’album sono 9 quadri magistralmente dipinti dal produttore artistico Paolo Benvegnù. Arrangiamenti irreprensibili, sonorità ricercate e testi profondi sono gli ingredienti principali di questo che nel complesso è un buon lavoro. Spiccano su tutte le tracce “Pittori” e “Graffi”dove gli archi, perfettamente suonati ed arrangiati, sottolineano ancora di più la natura intimistica di quest’ album che tocca sonorità post rock, cantautorali e sperimentali.

“L’inesatto” però non è tutte rose e fiori: nel suo complesso questi cinque ragazzi bolognesi non si sono inventati nulla di nuovo. Testi e sound ricordano un po’ troppo le atmosfere delle band anni ’90 (Afterhours e Verdena tanto per citarne due) e, per quanto si possa essere nostalgici, sono passati quasi 15 anni da quel periodo e ci si aspetterebbe qualcosina di nuovo dal primo album di una band dal potenziale così grande.

In ogni caso è un CD che vale la pena ascoltare tutto, dall’inizio alla fine; non sarà originalissimo ma è stato veramente prodotto a regola d’arte.

 

 

Tracklist
1.Cedere
2.L'inesatto
3.Il dunque
4.Pittori
5.(Gioco)
6.Santissimo dubbio
7.Il fascino dell'attimo
8.Lobi
9.Graffi

 

- Sito Ufficiale Vanderlei
- Sito Ufficiale Cinico Disincanto
- Sito Ufficiale Libellula Music

 

Giuseppe Lorenzoni, 29/02/2012