Vai alla lista completa delle Recensioni!
Kramers - Warum warum ist die banane krumm? [recensione]

[etichetta: The Prisoners Records]

kramers



 

Kramers - Warum warum ist die banane krumm?   (2012)

 

Warum Warum Ist Die Banane Krumm? è un gioioso caleidoscopio di suoni, un esilarante calderone di retro-pop moderno in cui i riferimenti stilistici si sprecano e si sovrappongono sapientemente, generando ora ammiccanti divertissement sghembi, ora song ballabili che fanno tanto eighties, ora, ancora, brillanti cavalcate festaiole. Arduo, comunque, enumerare i riferimenti musicali di questi Kramers.

Certo, la voce femminile, sempre tagliente e aggressiva al punto giusto, offre tutta una serie di indizi: B 52, Peaches, La Tigre, Goldfrapp, Blondie, Stereolab…. Attenzione, non è un lavoro electro-clash, ma un pastiche che mai si direbbe essere stato generato in terra italica, caso mai prodotto dalla DFA, con James Murphy che, intento ad ingozzarsi di trash-food, suggerire ai Kramers un arrangiamento alla Bee-Gees. Tra i “solchi” di Warum Warum Ist Die Banane Krumm? tastiere corpose costruiscono tappeti spaziali (a dir poco inverosimili) e groove killer sui quali la sezione ritmica ricama pattern, per così dire, ad alto tasso di danzabilità.

Intanto i nostri pescano un po’ ovunque nel magico universo delle produzioni musicali degli ultimi 30 anni, con il gusto del gioco, della miscellanea e della citazione. È un po’ come quando, ad un party ben riuscito, giochi con gli amici presenti a riconoscere la chicca che in quel momento il dj sta passando, e qui è tutto il disco a muoversi su questo dispositivo coinvolgente. Ed allora ecco arrivare soluzioni da dance anni ’90, ’80, ’70, senza mai scadere nel kitsc fine a se stesso, arrangiamenti synthetici con il resonance in bella mostra, stop and go che hai già sentito da qualche parte, aperture vocali che ricordano la programmazione di un’oscura emittente radiofonica di qualche anno fa. Disco compatto, veloce, che ti fa venir voglia di fare festa, di uscire in bicicletta in città e tenerlo nell’IPOD per darti la carica, osservare il mondo con lo sguardo di chi, per una volta, sta galleggiando in un beautiful day ed ha capito come vanno le cose, ma se ne frega perché ha i Kramers in cuffia che rallegrano l’aria circostante.

E poi che dire del titolo che cita una banana? Che dire di una song chiamata Hamburger vs. Kebab? Do you remember KebaubTraume dei DAF? Forse c’è un solo pezzo che in tutto il disco non va e non gira, quello da non mettere nell’IPOD quando si va in bicicletta, è la track 6 (She’s so flute), lenta rispetto al resto, seriosa. Ti chiedi semplicemente perché i Kramers non abbiano scelto di inserire un’altra bomba pop a 120 bpm. Sarà per la prossima volta. E sarà il disco perfetto.

 

 

Tracklist
1. The Day I Walked Down The Street
2. Girl Who Came From Nowhere
3. Another Pop Song You Can Dance With Your Friends
4. My Speed Love
5. Hamburger Vs. Kebab
6. She's So Flute
7. Dharmabeat
8. La Dance
9. 123456789
10. It's Time To Close Your Eyes

 

- http://www.myspace.com/kramersband
- Sito Ufficiale Unomundo

 

p.m., 30/04/2012