Vai alla lista completa delle Recensioni!
Bona Head – The Path [recensione]

[etichetta: autoproduzione]

bona head the path



 

Bona Head – The Path         (2012)

 

 

Bona Head è il solo project di Roberto Bonazzoli, musicista cremonese, già cantante e tastierista degli SHW. “The Path” è il suo secondo disco, ed esce a un anno di distanza da “Clour Doors Planet”. Lo stesso musicista afferma che si ti tratta di un concept-album elettronico con atmosfere sinfoniche che riflette il cambiamento interiore avvenuto nel corso degli anni. 

E in effetti ascoltando “Incipit”ci rendiamo conto, tra rumori, voci trovate e poi tastiere che evocano immaginari onirici, di avere a che fare con un album che lambisce territori ambient, post-rock inglese alla Bark Psychosis come la title.track, che sembra quasi una outtake di “Hex”, dream-pop soffici come “The Perfection” , malinconici bozzetti alla Sigur Ros come “R.E.M.” , sperimentazione “avant-pop”alla Brian Eno (“Holes And Snares”) e autentiche derive space-prog-rock come “Chasm”.Il tutto si combina con una vena cantautoriale che emerge in brani come l'acustica “Way Out”.

Un lavoro degno di considerazione, vario e coraggioso, gelido e romantico allo stesso tempo, che ci propone la figura di un interessante elettro-cantautore moderno.

 

 

Tracklist:
1.Incipit
2.R.E.M.
3.The Path
4.Unreal Wood
5.Way Out
6.Corner
7.Holes And Snares
8.Chasm
9.Dead Zone
10.Return To The Path
11.Reassuring Plans
12.Relax
13.Call
14.Mystic Mountain
15.The Perfection (Epilogue)

 

 

- http://www.myspace.com/bonahead

 

Giacomo Messina, 04/09/2012