Vai alla lista completa delle Recensioni!
4 Axid Butchers – Villa Gasulì [recensione]

 [etichetta: G04 Records]

4 axid butchers



 

4 Axid Butchers – Villa Gasulì     (2012)

 

Bresciani di origine, berlinesi d'adozione, i 4 Axid Butchers sono in realtà cittadini del mondo: oltre 300 live, con puntate fino in Sudafrica. “Villa Gasulì” è il terzo album della band composta da Alfredo Andreoletti (voce,batteria,chitarra,percussioni), Antonio Comini (basso,voce), Michele Gibertoni (chitarra,voce,percussioni), Alessandro Lonati (percussioni,batteria,voce), Paolo Tregambe (organo,tromba): un enorme frullatore psichedelico made in Madchester nel quale vengono shakerati ritmi da dancefloor, riff hard rock, visioni dub.

Il brano d'apertura “Gasulì” è un funk-punk d'assalto e orecchiabile allo stesso tempo, “What's New” è invece puro crossover anni '90. Stordisce e stupisce lo psichedelico cerimoniale dub-reggae di “A Globetrotter Song”, ma i brani migliori probabilmente sono i successivi tre: “My Free Country” è una piccola perla di pop psichedelico, quasi una rilettura in chiave mancuniana dei Beatles. “Let It Burn” è tribale e trascinante alla maniera dei migliori Happy Mondays, mentre  “Aster” è un esercizio di pop ipnotico e visionario alla Northside di “Shall We Take A Trip”. I due brani conclusivi, la ballad in dialetto “El Zogadur” e la fluttuante “Hill” non demeritano, ma i brani migliori sono probabilemtne alle spalle.

Disco trascinante e ben realizzato da parte di una band capace di dare il meglio di sé live, sopra un palco. Promossi con merito.



Tracklist:
1.Gasulì
2.What's New
3.A Globetrotter Song
4.My Free Country
5.Let It Burn
6.Aster
7.El Zogadur
8.Hill

 

- Sito Ufficiale 4 Axid Butchers
- Sito Ufficiale G04 Records
- Sito Ufficiale Promorama

 

Giacomo Messina, 24/12/2012