Vai alla lista completa delle Recensioni!
Fast Animals And Slow Kids – Hybris [recensione]

 [etichetta: Woodworm]

fast animals and slow kids hybris



 

Fast Animals And Slow Kids – Hybris      (2013)

 

Secondo disco per i Fast Animals And Slow Kids (d'ora in poi, per brevità, FASK), quartetto perugino cbe ritorna, due anni dopo l'ottimo esordio “Cavalli”, con questo “Hybris” che, come specificato dalla stessa band, si pronuncia “Ubris”.

Con quest'album, la band si affranca dal modello Zen Circus (non dimentichiamo che la band è stata di fatto scoperta da Andrea Appino degli stessi Zen), per evolvere in una dimensione completamente personale. Grazie anche all'aiuto in fase di produzione di Andrea Marmorini de La Quiete, i FASK sono riusciti a realizzare un album di quelli che segnerà l'annata discografica: potente e riflessivo allo stesso tempo, omogeneo ma non monotono.

I riferimenti sono quelli dell'alternative e dell'emo punk anni '90, ma in una maniera del tutto peculiare: un brano come “Maria Antonietta” spiega bene il sound della band più di mille parole: intro melodica, che poi si lancia in un rifferama “aggressivamente melodico” nel quale fanno capolino il violino di Nicola Manzan dei Bologna Violenta e i fiati, nota che caratterizzerà tutto l'album. “A Cosa Ci Serve” è invece un brano più urlato, pieno di tensione post adolescenziale, mentre “Un Pasto Al Giorno” è un abile gioco in cui momenti più calmi e altri più aggressivi si alternano sapientemente.

Un grande disco con il quale bisognerà fare i conti per molto molto tempo.

 

 

Tracklist:
1.Un Pasto Al Giorno
2.Fammi Domande
3.Combattere Per L'Incertezza
4.Dove Sei
5.A Cosa Ci Serve
6.Farse
7.Maria Antonietta
8.Troia
9.Calce
10.Canzone Per Un Abete, Parte II
11.Treno

 

- Sito Ufficiale Fast Animals and Slow Kids
- Sito Ufficiale Woodworm
- Sito Ufficiale Promorama

 

Condividi

 

Giacomo Messina, 09/04/2013