Vai alla lista completa delle Recensioni!
Sara Lov - I already love you [recensione]

[etichetta: Irma Records]

sara lov i already love you

 

 

Torna dopo due anni dal precedente lavoro intitolato “Seasoned Eyes Were Beaming”, l’ artista americana nota per la sua militanza nei Devics. Sara Lov questa volta si cimenta in un album di cover che affondano le mani nell’universo indie rock ma non solo. L’avevamo già potuta sentire alle prese con cover di alto livello all’inizio della sua carriera solista, quando nell’ep di esordio si cimentò nelle interpretazioni di “My body is a cage” degli Arcade Fire e “Timebomb” di Beck. Oggi Sara rivisita brani ancora più ricercati. Si parte con “Square heart” dei Black Heart Procession con una versione che suona più solare dell’originale, per poi proseguire con “Papa was a rodeo” dei Magnetic Fields, dove l’esperienza Devics si fa sentire.

Non mancano scenari country come quelli di “Just My Heart Talking” di Ron Sexsmith o le delicate pennellate della versione di “Winter is blue” scritta originariamente da Vashti Bunyan. Il disco scorre veloce piacevolmente, senza intoppi ma l’attenzione per noi italiani si sofferma sicuramente su “La bambola” di Patti Pravo, in una versione estremamente suadente e fedele all’originale, e che evidenzia anche una pronuncia italiana davvero invidiabile. “I already love you” è un album che mette in luce ancora una volta le doti interpretative di questa interessante cantante statunitense.

 

Tracklist:

1.    Square Heart
2.    Pape Was A Rodeo
3.    Hold Me Now
4.    Just My Heart Talking
5.    There Is A Light That Never Goes Out
6.    The World We Knew
7.    Winter Is Blue
8.    La Bambola 
9.    Cape Canaveral
10.    I Want To Vanish

 

- Sito Ufficiale Sara Lov
- Sito Ufficiale Irma Records

 

Nicolò, 18/06/2011