Vai alla lista completa delle Recensioni!
Staré Mesto – Punto Di Fuga [recensione]

 [etichetta: I dischi del Minollo]

stre mesto punto di fuga



 

Staré Mesto – Punto Di Fuga       (2014)

 

Disco d'esordio per gli Staré Mesto formazione a metà tra Bologna e Ferrara composta da Enrico Bongiovanni (voce e chitarra), Tom “Delay” Lampronti (chitarra), Giovanni “Fuzzbinder” Sassu (basso) e Ruggero Calabria (batteria).

L'obiettivo dichiarato della stessa band è quello di “riunire, in un crocevia sonoro eclettico e dinamico, atmosfere che spaziano dalla wave al post rock, dall’indie alla forma canzone melodica di tradizione italiana”, e a onor del vero, in “Punto Di Fuga” ci riescono alla grande, e l'iniziale “Thalia” è lì a dimostrarcelo: un (post)rock livido, teso e malinconico degno dei migliori Marlene Kuntz. O ancora l'estatica bellezza di “Racconto Di Primavera”, con Igor Tosi dei Devocka ai cori; oppure la meravigliosa rilettura di “Cielo D'Africa” dei Diaframma di Federico Fiumani, indubbiamente uno dei padri putativi della band. O, infine, “Canzone Della Torre Più Alta”, rilettura di una poesia di Arthur Rimbaud.

In “Punto Di Fuga” lirismo, rumore e poesia si fondono per dar vita a una miscela ben riuscita per un esordio veramente intrigante.

 

 

Tracklist:
1.Thalia
2.Racconto Di Primavera
3.Menodizero
4.Riparo
5.Cielo D'Africa
6.Le Mie Mani
7.Canzone Della Torre Più Alta
8.Ultima Cena

 

- Sito Ufficiale Staré Mesto
- Sito Ufficiale I dischi del Minollo

 

Condividi

 

Giacomo Messina, 15/07/2014