Vai alla lista completa delle Recensioni!
Karenina – Via Crucis [recensione]

 [etichetta: autoprodotto]

karenina via crucis



 

Karenina – Via Crucis        (2014)

 

Inizialmente conosciuti come Triste Colore Rosa (all'attivo una piccola perla come “Scomparire In 11 Semplici Mosse”), i Karenina, formazione bergamasca formata da Enrico Brugali, Francesco Bresciani, Francesco Zini, Giuseppe Falco, Ottavia Marini, ritornano con il loro secondo album. “Via Crucis”, questo il titolo dell'opera, è, come dice la stessa band, una sorta di concept album che è “un viaggio nell'Italia smarrita del presente, fra i fantasmi della cronaca e un forte desiderio di rinascita”.

Muiscalmente parlando, le atmosfere sono decisamente più complesse e articolate rispetto all'indie-pop delgli esordi: l'opener “26 Novembre 2010” ne è un esempio, nenia ovattata e ipnotica, voce filtrata e lontana, che esplode in un crescendo quasi post-rock. Oppure la filastrocca distorta di “La Sapienza”, o ancora le atmosfere livide e intense del brano di chiusura “26 Febbraio 2011”. Nel mezzo trovano spazio numeri hard-rock alla Deep Purple (“Per Vederti Ancora”), o al limite della world-music (811 Km Il Sudore In Nota Spese).

Opera variegata e multiforme, ma allo stesso tempo intimamente omogenea, “Via Crucis” rappresenta senza dubbio il definitivo salto di qualità dei Karenina.

 

 


Tracklist:
1.26 Novembre 2010
2.Ovest
3.Nel Centro Del Paese
4.La Sapienza
5.811 Km Il Sudore In Nota Spese
6.Per Vederti Ancora
7.E L'Universo
8.Hey Tu!
9.Non Si Muove
10.L'Italia E' Bellissima
11.26 Febbraio 2011

 

- Sito Ufficiale Karenina
- Sito Ufficiale Macramè Ufficio Stampa

 

Condividi

 

Giacomo Messina, 10/10/2014