Vai alla lista completa delle Recensioni!
Li Camp - Born To Resist [recensione]

[etichetta: Nomadism Records]

ego kid ecce home



Li Camp ci attaccano, senza possibilità di fuga, con 14 mitragliate di genuino punk/ska/core, diretto e ruvido come deve essere (forse davvero troppo amatoriale... ma l'hardcore è do it yourself o no? N.d.R).
Pierpaolo Battaglia al basso e Rinor Marku alla batteria faticano parecchio a supportare ritmicamente le veloci canzoni del Li Camp e la voce di Valentino Gramaccia non sempre risulta gradevole (come i cori dei suoi compagni); anche l'inglese delle liriche sembra troppo "maccheronico". Beh, poco male… sono piccoli peccati dettati dall'inesperienza, non tutto è da buttare, anzi!

I ragazzi hanno le idee ben chiare su cosa, e come, suonare.Alcuni episodi di questo "Born To Resist" infatti sono da premio. 1984 è un pugno nello stomaco, accattivante è lo ska/punk di Suvivor e di Back To The Luddites, divertente il cameo del tema di Top Gun in My Choice.
Sicuramente i Li Camp saranno in grado, in un futuro prossimo, di sfornare eccellenti dischi di genuino punk rock. Una promessa.

 

Tracklist
01. Intro
02. 1984
03. Broken Glasses
04. Fighting The Teargas
05. Back To The Luddites
06. Your Lies
07. My Strenght
08. Jr. Blue Bears
09. My Choice
10. Seventeen
11. The Heart Of The Streets
12. Survivor
13. Angel’s Tears
14. F.U.C.K.


- http://www.myspace.com/licamp
- http://www.myspace.com/nomadism

Brothers in arms, 27/07/2011