Vai alla lista completa delle Recensioni!
Deerhoof - La Isla Bonita [recensione]

[etichetta: Polyvinyl Records]

la isla bonita



 

Deerhoof - La Isla Bonita   (2014)

Tredicesimo album per una band che non avrebbe davvero bisogno di presentazioni, i Deerhoof, una delle formazioni fondamentali dell'indie-rock sperimentale degli anni Zero. La formazione di San Francisco, composta da Satomi Matsuzaki (voce), John Dieterich (chitarra), Ed Rodriguez (chitarra) e Greg Saunier (batteria).

"La Isla Bonita" è stato prodotto dal giornalista, e batterista dei Mr.Dream, Nick Sylvester, ed è il solito coacervo di influenze che comprende Sonic Youth, David Byrne, Cars, Flaming Lips. "Paradise Girls", brano d'apertura, è un white funk dal groove contagioso che media Beck e certa world music. "Last Fad" è brano sghembo da dancefloor alla Talking Heads. Tutte altre atmosfere in "Exit Only", scarica d'adrenalina noise-punk registrata praticamente in presa diretta dalla band, che voleva creare un brano che avesse la stessa intensità della loro live cover di "Pinhead" dei Ramones: brano pienamente riuscito. "Big House Waltz" è invece un blues scarnificato e quasi spettrale.

Non è facile dopo vent'anni di carriera mantenere la stessa intensità, ma "La Isla Bonita", pur non essendo un capolavoro assoluto alla "Reveille" o alla "Apple O'", dimostra che i Deerhoof sono tuttora una band viva e vitale. 

 

 

Tracklist:
1.Paradise Girls
2.Mirror Monster
3.Doom
4.Last Fad
5.Tiny Bubbles
6.Exit Only
7.Big House Waltz
8.God 2
9.Black Pitch
10.Oh Bummer

 

- Sito Ufficiale Deerhoof 
Sito Ufficiale Polyvinyl records
- Sito Ufficiale Five Roses Press

 

 

Condividi

 

Giacomo Messina 02/07/2015